Info A A

Progetto LIFE SPAN

Obiettivi del progetto LIFE SPAN

I problemi ambientali affrontati dal progetto LIFE SPAN (LIFE19 NAT/IT/000104) sono inclusi nella strategia forestale europea che riconosce la necessità di interventi mirati a garantire la gestione sostenibile ed equilibrata del potenziale multifunzionale delle foreste dell'UE e dei servizi ecosistemici da esse prodotti.

Lo strumento alla base di questo percorso è il Saproxylic Habitat Network (SHN) una rete di “aree di Senescenza (SHS)” che favorirà il movimento e la dispersione delle diverse specie saproxiliche attraverso le aree circostanti, in pratica le SHS agiranno come nodi di una rete che permetterà il movimento e la ricolonizzazione di territori abbandonati in passato a causa delle modalità di gestione del bosco

All’interno delle aree di senescenza (SHS - Saproxylic Habitat Sites) saranno realizzati i seguenti interventi:

  1. diradamenti
  2. microhabitat e interventi di pro-senescenza
  3. apertura di radure

Le SHS sono uno strumento per la selvicoltura sostenibile multifunzionale, che combina questioni ecologiche, economiche e sociali nella stessa area. Le foreste produttive beneficeranno delle SHS in termini di stoccaggio del carbonio, ciclo dei nutrienti e diversità biologica, contribuendo allo stesso tempo alla conservazione della biodiversità, con azioni che porteranno un guadagno netto in termini di numero di specie e struttura degli habitat. Sarà mappato e valutato il miglioramento dei servizi ecosistemici in termini di produzione di legname e bioenergia, attrattività paesaggistica e turistica, conservazione della biodiversità, stoccaggio e sequestro del carbonio, confermando l'idoneità dell'approccio sia da un punto di vista conservazionistico che produttivo.

Coscienti della delicatezza del tema trattato, particolare attenzione sarà posta nelle attività di divulgazione e formazione in modo da coinvolgere tutti i soggetti interessati, sia privati che pubblici, nella discussione e condivisione dei risultati ottenuti dal progetto. Questo processo partecipato, che coinvolgerà anche gli studenti di scuole ed università oltre che i tecnici e gli operatori forestali, sarà la base per la creazione di linee guida e altri strumenti utili al trasferimento e alla replicazione delle attività del progetto LIFE SPAN.